Verde violento

Verde violento - Giancarlo Tonti

Verde violento.

Quando fai una curva e ti appare il colle con quel verde potente, saturo e carico che trovi solo in primavera.

Ecco, è un verde violento. E sfacciato.

A quell’erba non può fregare di meno del fatto che ci sia una condizione critica, lei continuerà per la sua strada. E cambierà, comunque, fino ad arrivare ad un giallo dorato. Fino a che qualcuno non la taglierà. Che sia erba o grano poco importa.

È comunque un verde violento, bellissimo, e l’unica cosa da fare sarebbe stare lì. A farsi violentare.

Perché questa è violenza sana. È un verde violento ma sano.

Questo elemento è stato inserito in blog. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i Cookies per fornire alcuni dei servizi. Se per te va bene, clicca su ACCETTA.